LA FORMAZIONE INTERPROFESSIONALE, l’ESPERIENZA DEL CORSO DI “SALUTE GLOBALE,” NELL’UNIVERSITÀ DI BOLOGNA - ITALIA

Autores

  • Ardigò Martino

DOI:

https://doi.org/10.18310/2446-4813.2017v3n4p398-409

Palavras-chave:

Educação, Equipe de Assistência ao Paciente, Relações Comunidade-Instituição, Capacitação Profissional.

Resumo

AbstractObiettivo: obiettivo della ricerca è valutare gli effetti della formazione interprofessionale ed in comunità attraverso le percezioni degli studenti, dei docenti e dei tutor.Metodologia: la metodologia utilizzata è qualitativa, basata sulla ricerca-formazione-intervento. Sono stati utilizzati come materiali le valutazioni degli studenti, i diari di campo di studenti, tutor e docenti, le informazioni raccolte attraverso un focus group finale a cui hanno partecipano docenti, tutor e studenti volontari. I materiali sono stati analizzati attraverso l’analisi di contenuto e triangolati con le informazioni provenienti dalla letteratura.Risultati: la ricerca ha mostrato come la formazione interprofessionale rappresenti una sfida per docenti, tutor e studenti, perché necessita dello sviluppo di metaconoscenze e metacompetenze non appartenenti a nessun campo disciplinare, ma generate dal lavoro in equipe applicato a condizioni concrete del quotidiano. L’apprendimento di tali competenze è gravoso per gli studenti, perché mette in gioco conoscenze e modalità di lavoro anche molto differenti da quelle a cui sono abituati nella formazione disciplinare. D’altra parte, devono essere attentamente studiati e tenuti sotto controllo i fattori strutturali prossimi e distali che interferiscono con la formazione, a partire dalle relazioni tra professioni ed al curriculum occulto dei corsi di laurea.Conclusioni: l’impegno per lo sviluppo della formazione interprofessionale dovrebbe avvenire a livello di università e non di facoltà, coinvolgere la comunità con l’obiettivo di superare le barriere disciplinari e facilitare l’interazione degli studenti con i problemi complessi della comunità. La formazione interprofessionale richiede tempo, pertanto deve essere incorporata nei curriculum obbligatori e con un numero di crediti adeguato.

Biografia do Autor

Ardigò Martino

Medico, especialista em Hygiene and Public Health, douturado em Cooperação Internacional ao desenvolvimento, na Universidade de Bolonha.

Referências

WHO, Transforming and scaling up health professionals’ education and training: WHO Education Guidelines 2013. Geneva: WHO; 2013

Fals-Borda O, Anisur-Rahman M, editors . Action and knowledge: breaking the monopoly with participatory action research. New York: Apex Press; 1991.

Martino A, Marta BL, Sintoni F, et al. Pratiche di Ricerca-Formazione-Intervento nel contesto italiano. In: Franco T, Ceccim R, editors. Prassi in Salute Globale. Porto Alegre Brasile/Bologna Italia: Rede UNIDA/CSI-Unibo; 2016

Freire P. Pedagogia do oprimido. 12 ed. Rio de Janeiro: Paz e Terra; 1983.

Freire P. Pedagogia da autonomia: saberes necessários à prática educativa. São Paulo: Paz e Terra; 2011.

Heller A. Every day life. London: Routledge; 1984

Bloom B S, editor. Taxonomy of Educational Objectives: The Classification of Educational Goals. David McKay Company; 1956. p. 201-7.

Mclaren P, Kincheleoe JL. Rethinking critical theory and qualitative research. In: Zou Y, Trueba ET editor. Ethnography and schools: qualitative approaches to the study of education. Lanham: Rowman and Littlefield; 2002. p. 87-138.

Downe‐Wamboldt B. Content analysis: method, applications, and issues. Health care for women international, 1992 13;3: 313-321.

Brown M. Comfort zone: Model or metaphor?. Journal of Outdoor and Environmental Education. 2008 12;1: 3.

Hafferty F. Beyond curriculum reform: confronting medicine’s hidden curriculum. Acad Med. 1998. 73;4:403–7.

Franco TB, Merhy EE. Cartografias do Trabalho e Cuidado em Saúde. Tempus Actas de Saúde Coletiva. 2012 6;2: 151-163.

Bauman Z. Consuming life. Cambridge; Polity Press; 2007. p. 56

Downloads

Publicado

2018-03-18

Edição

Seção

Artigos Originais